Il CRIL nasce da un'idea di Mirko Grimaldi - coadiuvato sin dalle prime fasi progettuali da Barbara Gili Fivela - grazie a un finanziamento della Comunità Europea – PON 2000-2006, Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione – riservato alle regioni dell'obiettivo 1 ( Decreto Direttoriale del Ministero dell'Università e della Ricerca, MIUR, n. 1312 del 9.07.2003).

Il CRIL - incardinato nel Dipartimento di Studi umanistici dell'Università del Salento - si caratterizza per la compresenza di strumentazione diversificata e altamente sofisticata, raramente disponibile in un unico laboratorio.

Al CRIL è possibile monitorare in modo integrato la complessa attività della laringe, della lingua, delle labbra e dei muscoli orofacciali, così come i movimenti oculari durante compiti audio-visivi in differenti contesti comunicativi, e in parallelo analizzare le risposte neurofisiologiche della corteccia cerebrale.
Sfruttando competenze scientifiche interdisciplinari, si possono far interagire strumenti diversi col fine di raccogliere dati osservabili da prospettive differenti per una più forte integrazione fra dati empirici e teorie.

Date queste premesse, il CRIL si configura come luogo ideale per individuare spazi di ricerca di confine, non ancora ben delineati , fra discipline linguistiche, mediche e ingegneristiche che pur partendo da presupposti e tradizioni diverse sono interessate a studiare la natura del linguaggio verbale, le sue patologie, i processi di acquisizione sia nella prima che nella seconda lingua, nonché la variazione linguistica. In sintesi, le tipologie di strumenti presenti nel CRIL presuppongono un approccio interdisciplinare per:

  • lo studio della natura acustico-uditiva e articolatoria del linguaggio umano e la sua relazione con l'attività neurofisiologica del cervello.
  • l'esplorazione più vasta dell' organizzazione cerebrale del linguaggio umano in una prospettiva neurocognitiva, con l'obiettivo ultimo di elaborare una teoria neurale del linguaggio.


Video: sognando il Salento... ( dreaming Salento...)

Salento senza tempo - Nidi d'arac (Timeless Salento)

Le radici ca tieni (Salento roots)


Salento: lu sule, lu mare lu ientu (Salento: the sun, the sea, the wind)
 
Data ultima modifica 08/04/2014
© 2006-2013 Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio - Webmaster